Biografia - GP On the Road

Vai ai contenuti

Menu principale:

Mi Presento
Falchi Giovanni Paolo, motociclista.

Nato a Ozieri (SS) nel 1981, ha vissuto in Sardegna nella bellissima isola di La Maddalena ( OT ), partito nel 1999 per trasferirsi al Nord Italia per esigenze lavorative. Stabilito nel Mantovano e raggiungendo una "stabilità" ha finalmente potuto iniziare a dedicarsi alla sua grande passione, la moto e i viaggi:
"...i viaggi vanno intrapresi in moto, viverli in auto sarebbe come guardare un documentario in TV, in moto si è parte del paesaggio e non semplici spettatori "



Deciso nell'acquisto della sua prima moto e indirizzatosi verso le Naked, ma fù stregato dall'incontro di una Shadow, sedendosi sopra capì che in tutti i posti nel mondo, quello sarebbe divenuto il suo centro, acquistandola il giorno dopo e diventando la sua compagna di strada.
Da allora ha affrontato viaggi, dapprima in Italia per poi man mano allargarsi per scoprire un mondo meraviglioso, vivendo la strada , le sue storie e i suoi personaggi.
Tutt'ora la conserva e l'utilizza sempre, la sua amata Shadow VT600/c del 1993, ma a farle compagnia in garage troviamo anche una Intruder VS1400 del 1997.
Predilige motori bicilindrici e rigorosamente a carburatore, ma ammira e stima ogni altro motociclista salutandolo indifferentemente dalla marca della moto...
"Per esser rispettati bisogna rispettare".
La fotografia e la realizzazione di video sono la sua seconda passione e gli permettono di condividere i suoi viaggi con tutti gl'amici, motociclisti e tutti voi. Ha iniziato a documentare i suoi viaggi e condividerli sul suo canale You Tube da quando finalmente è riescito ad'equipaggiarsi con attrezzature che gli permettessero la registrazione in moto.
Ha collaborato con programmi tv e si avviano altre collaborazioni con aziende, canali tv e you tube.

"La mia scintilla?! L'ho trovata in vecchie foto di un viaggio in Africa di un amico motociclista ormai in pensione, ma con un cuore sempre giovane e proiettato a quella terra che tanto ama"
Grazie Alessandro

 
Torna ai contenuti | Torna al menu